Browsing "Chi sono e perchè questo Blog"

Opportunità per guadagnare con il link building: senza un sito internet, lavori con quelli degli altri

Tanti giovani e non, anche senza esperienza, con un pò d’intraprendenza hanno seguito questa strada (lavorare e guadagnare con il link building). Ora il mercato non è più vergine come una volta, ma ci si può ancora guadagnare bene.

Scopri di cosa si tratta col mio articolo scritto per il Magazine Bianco Lavoro

http://news.biancolavoro.it/professioni/2663-lavorare-con-il-link-building-senza-un-sito-internet-guadagnare-con-quelli-degli-altri

Facebook, Twitter e Google Plus: come utilizzarli per lavorare e guadagnare

Ho preparato per il Magazine/Blog Bianco Lavoro 3 articoli su Facebook, Twitter e Google Plus, in cui cerco di racchiudere i consigli migliori per fare business, trovare lavoro e guadagnare con i social network.

 

Il rapporto tra Facebook e le opportunità di lavoro (cosa vedono i selezionatori sul tuo profilo Facebook):

http://news.biancolavoro.it/orientamento/2606-facebook-ed-opportunita-di-lavoro-cosa-vedono-i-selezionatori-sul-tuo-profilo

 

Come utilizzare Twitter per crearsi una rete di contatti professionali e trovare lavoro:

http://news.biancolavoro.it/orientamento/2603-twitter-e-utile-per-trovare-lavoro-la-risposta-e-si-ecco-come

 

Come creare e migliorare un profilo Google Plus, specie se lo vuoi utilizzare come vetrina per le tue competenze:

http://news.biancolavoro.it/orientamento/2616-come-migliorare-il-proprio-profilo-google-plus

 

San Massimiliano Kolbe e l’accettazione della sofferenza

Se in questo Mondo non ci fossero le croci, non ci sarebbe di che meritarsi il Paradiso. Le croci, sia interiori che esteriori, sono indispensabili.

Rimaniamo certi che Dio permette ogni cosa in vista di un bene maggiore“.

San Massimiliano Maria Kolbe

Parole di un santo (che ha dato la sua vita per salvare un prigioniero ad Auschwitz) che potrebbero dare un senso a tutta questa mia sofferenza indicibile, composta da tanti risvolti e sfaccettature, ma non è facile comunque accettare tutto questo!

Tanti Auguri per Natale ed il nuovo Anno: pregate per me perchè………

E’ stato l’anno e mezzo più brutto e difficile della mia vita. Il Natale, per religiosità e desiderio, ha sempre rappresentato la mia festa preferita, che aspettavo di vivere con ansia ogni anno…..ora però di colpo senza mio padre e mia madre sono qui a torturarmi con la tv che mi ricorda le festività natalizie per pubblicizzare consumisticamente qualsiasi cosa, dai reggiseni ai carciofini sott’olio.

Per strada, sui mezzi pubblici, tutti parlano della stessa cosa: di come e dove festeggeranno con la propria famiglia, ed è brutto dirlo, ma l’invidia mi assale e mi rende arrabbiato con Dio stesso. E stavolta non vedo l’ora che quest’anno tutto passi il più velocemente possibile, soprattutto per quanto riguarda i giorni 24-25-26 (vissuti da quando sono nato, ogni singolo anno, al fianco dei miei genitori), visto che il Capodanno l’ho trascorso spesso con la fidanzata o gli amici.

Se passate dal mio blog e leggete questo mio post, accettate la mia richiesta di preghiera, ne ho davvero tanto bisogno!

A voi tutti comunque, e non sono affatto ironico, i miei migliori auguri per un Natale Sereno ed un Felice Anno Nuovo.

Ho sempre avuto fede, ora vorrei averne, ma le troppe avversità quasi me lo impediscono

Ah, quanto sarei più forte se riuscissi ad avere fede.

Non mi sono fatto scoraggiare alla prima avversità, anzi ho sempre sostenuto le prove che Dio mi ha mandato nella vita, ma nell’ultimo anno tutto quello che mi ha fatto accadere, a cominciare dall’avermi portato via entrambi i genitori, mi pone tanti, troppi interrogativi, anche riferiti alle molte altre persone nel Mondo che soffrono pene indicibili.

Dov’è Dio in tutto questo? Era facile rispondere agli altri che la giustizia sta nell’altro Mondo, che in questo Gesù Cristo stesso è morto per guadagnarci la salvezza nell’altro.

“Dio salva nella notte e non dalla notte”, parole che però su di me non hanno ora più effetto. La preghiera mi dava tanta forza, ma ora mentre prego, penso: “A che serve, se tanto in questa vita la sofferenza ci è impartita in maniera non giusta e neanche in maniera egualitaria tra tutti?”.

 

Se qualcuno potesse rispondere alle mie richieste, gliene sarei profondamente grato. Non ho ancora perso la fede, ma sto nella fase in cui ci sono molto vicino 🙁

Aforismi per la Mente e per il Cuore

Giancarlo Sali aforismi

Libro

Chi non ha avuto ancora il piacere di acquistare la mia prima opera di 2 anni e mezzo fa, “Aforismi per la mente e per il cuore”, può farlo in diverse librerie on-line, come quella universitaria che trovate qui: http://www.libreriauniversitaria.it/aforismi-mente-cuore-sali-giancarlo/libro/9788896559475, o richiederlo personalmente a me, Giancarlo Sali  (338/1755221 – tuttodiplus@hotmail.it)…….

Si tratta di poco meno di 300 aforismi motivazionali, di crescita personale, ma anche dolci, romantici, riflessivi sulla vita e le persone. Non manca nel testo una critica tagliente al “Sistema” ed a quelle istituzioni che non aiutano di certo le persone a realizzarsi durante la propria esistenza. Non perdete l’occasione di leggere massime e consigli, che ci aiuteranno ad aprire la mente ed il cuore ad una vita già da domani diversa e potenzialmente più appagante. Oltre agli aforismi, l’opera suggerisce spunti di riflessione sui temi più importanti della nostra Epoca, seguiti sempre da inviti impliciti a non mollare mai, perché per ogni problematica si può trovare una soluzione.

Un giornale nazionale (Il Corriere Fiorentino) e due agenzie letterarie (Inbook e DigitalPress) recensirono il mio libro con le seguenti parole:

“Si legge in un sorso, in un non-tempo, si assapora in un’eternità di parole: dolce concentrato di tutta una vita e di tutte le vite con cui si è intrecciata.
Sincero, schietto e coraggioso, Giancarlo Sali racconta singoli pensieri e ancore di salvezza create per comporre la nota attraverso la quale vivere, il vetro attraverso il quale osservare senza troppi interrogativi e senza essere costretti ad escludere il cuore.
Da rileggere nei momenti in cui si ha bisogno di un abbraccio e di parole sincere, di uno spunto, di un vetro che si affaccia su una notte nera, in cui specchiarsi”.