Browsing "Religione"
Gen 17, 2013 - Religione    No Comments

Salmo 103 – Dio è amore

 

Benedici il Signore, anima mia,
quanto è in me benedica il suo Santo Nome.
2Benedici il Signore, anima mia,
non dimenticare tanti suoi benefici.

 

3Egli perdona tutte le tue colpe,
guarisce tutte le tue malattie;
4salva dalla fossa la tua vita,
ti corona di grazia e di misericordia;
5egli sazia di beni i tuoi giorni
e tu rinnovi come aquila la tua giovinezza.

 

6Il Signore agisce con giustizia
e con diritto verso tutti gli oppressi.
7Ha rivelato a Mosè le sue vie,
ai figli d’Israele le sue opere.

 

8Buono e pietoso è il Signore,
lento all’ira e grande nell’amore.
9Egli non continua a contestare
e non conserva per sempre il suo sdegno.
10Non ci tratta secondo i nostri peccati,
non ci ripaga secondo le nostre colpe.

 

11Come il cielo è alto sulla terra,
così è grande la sua misericordia su quanti lo temono;
12come dista l’Oriente dall’Occidente,
così allontana da noi le nostre colpe.
13Come un padre ha pietà dei suoi figli,
così il Signore ha pietà di quanti lo temono.

 

14Perché egli sa di che siamo plasmati,
ricorda che noi siamo polvere.
15Come l’erba sono i giorni dell’uomo,
come il fiore del campo, così egli fiorisce.
16Lo investe il vento e più non esiste
e il suo posto non lo riconosce.

 

17Ma la grazia del Signore è da sempre,
dura in eterno per quanti lo temono;
la sua giustizia per i figli dei figli,
18per quanti custodiscono la sua alleanza
e ricordano di osservare i suoi precetti.
19Il Signore ha stabilito nel cielo il suo trono
e il suo regno abbraccia l’universo.

 

20Benedite il Signore, voi tutti suoi angeli,
potenti esecutori dei suoi comandi,
pronti alla voce della sua parola.
21Benedite il Signore, voi tutte, sue schiere,
suoi ministri, che fate il suo volere.
22Benedite il Signore, voi tutte opere sue,
in ogni luogo del suo dominio.
Benedici il Signore, anima mia.

Auguri sinceri e riflessione sul Natale

Auguro a tutte le lettrici ed a tutti i lettori del mio blog, un Natale Sereno insieme ai propri cari!

Io vi lascio con un passo del Vangelo di Matteo, con l’auspicio di regalare un pizzico di serenità a chi sta vivendo, di questi tempi, difficoltà economiche e personali.

“Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un’ora sola alla sua vita?

E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede?

Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta”.

Regalo di Natale con pochi euro in beneficenza

A Natale un gesto piccolissimo ma tanto importante per alcune categorie di persone. Se non avete ancora fatto i regali di Natale e vi serve un’idea, vi invito ad acquistare a prezzo simbolico almeno uno dei miei tre libri, con incasso che nella misura del 50% finisce in beneficenza. Uno è cartaceo (prezzo 8 euro), quello di aforismi (con ricavato diretto verso il Progetto Itaca che assiste le persone con problemi di salute mentale ed i loro familiari). Il secondo, digitale (prezzo 3 euro), si occupa di tecniche di memoria e lettura veloce (anche qui con incasso devoluto al Progetto Itaca). L’e-book su Berlusconi e Monti infine, costa 5 euro, con incasso da devolvere verso le persone più povere dei dormitori di Roma.
Andate ai 3 link qui sotto per capire il tema specifico dei testi in questione. Per l’acquisto, potete utilizzare gli stessi link o rivolgervi all’e-mail tuttodiplus@hotmail.it

http://www.libristore.com/index.php?page=shop.product_details&flypage=libristore.tpl&product_id=61&option=com_virtuemart

http://www.lulu.com/shop/giancarlo-sali/apprendimento-rapido-tecniche-di-memoria-e-lettura-veloce/ebook/product-18952241.html

http://www.lulu.com/shop/giancarlo-sali/le-politiche-di-berlusconi-e-monti-uccisa-lequit%C3%A0-sociale/ebook/product-20514019.html

Dic 6, 2012 - Religione    No Comments

Pratica Mariana dolcissima delle 1000 Ave Maria ispirata da Santa Caterina da Bologna

Dal sito

http://www.preghiereagesuemaria.it


DEVOZIONE DELLE MILLE AVE MARIA ALLA MADONNA

 

La devozione delle Ave Maria risale a S. Caterina da Bologna. La Santa era solita recitare mille Ave Maria la notte del Natale.

 

Nella notte del 25 dicembre 1445 era assorta nella contemplazione dell’ineffabile mistero e nella sua pia pratica. Quando le apparve la Vergine SS., che le porse il Bambino Gesù, Caterina lo intrattenne fra le sue purissi­me braccia – come lei stessa si esprime – per lo spazio di una quinta parte di un’ora…

 

A ricordo del prodigio, le figlie della Santa nel Monastero del Corpus Domini, ogni anno, nella notte santa, ripetono le mille Ave Maria, devozio­ne entrata ben presto nella pietà dei fedeli.

 

A rendere più facile il pio esercizio, le mille Ave Maria vengono recitate – quaranta ogni giorno – nei 25 giorni che precedo­no il Santo Natale, dal 29 novembre al 23 dicembre.

 

Il ripetersi del saluto angelico alla Vergine SS. con la meditazione del mistero riuscirà, per le ani­me devote, preparazione efficace al Santo Natale. 

 

Nel nome del Padre, e del Figlio, e dello Spirito Santo. Amen.

 

 Ad imitazione di S. Caterina loderemo la gran Madre di Dio per il suo sacro parto, con queste quaranta salutazioni angeliche per otte­nere da lei protezione in vita ed assistenza nella morte, affinché da questa terra di pellegrinaggio possiamo giungere agli eterni luoghi del Paradiso. 

 

PRIMA DECINA – In primo luogo, recitando dieci Ave Maria, ed altrettante benedizioni, considereremo l’ineffabile mistero della Incarnazione del Verbo, e la gran dignità della Vergine nell’essere stata eletta Madre dell’Altissimo. Ave Maria…

 

Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale fosti scelta come Madre di Dio.  

 

SECONDA DECINA – In secondo luogo, recitando dieci Ave Maria, ed altrettante benedizioni, mediteremo l’umiltà del re del cielo, che elesse una vile abitazione per il suo Natale, e la gioia che ebbe Maria nel vedere l’unigenito del Padre da lei nato nel presepio.  Ave Maria…

 

Sia benedetta, o Maria, l’ora nella quale divenisti Madre del Figliuol di Dio.  

 

TERZA DECINA – In terzo luogo, recitando dieci Ave Maria ed altret­tante benedizioni, attentamente ci ricorderemo della perfetta diligenza di Maria Vergine, quando adempì gli uffici di Marta e di Maddalena, nel con­templare il suo figliuolo Redentore a servizio ed assisterlo ancora tenero bambino. Ave Maria…

 

Sia benedetto, o Maria, il primo palpito materno che provasti per il Figliuol di Dio. 

 

QUARTA DECINA – In quarto luogo, recitando dieci Ave Maria, ed altrettante benedizioni, considereremo la grande riverenza, con la quale Maria, più al cuore, che al seno, abbracciava, stringeva, baciava e adorava il suo e nostro Dio, fatto uomo per nostro amore. Ave Maria…

 

Sia benedetto, o Maria, il primo bacio che desti al Figliuol tuo e Figlio di Dio. 

 

L’ULTIMA SERA(23 DICEMBRE): Sia lode per sempre a Dio, poiché ad imitazione della nostra Santa, abbiamo compiuto questo devoto eserci­zio: e preghiamo la Regina degli Angeli che, come frutto particolare, si degni essa, la Madre di Gesù e Madre nostra, di ottenerci, in vita, un vero pentimento dei nostri peccati, e la etema salvezza dell’anima, alla nostra morte.

 

 

PREGHIAMO:O Dio, concedi a noi tuoi fedeli di essere sostenuti dall’intercessione di Santa Caterina, dalle cui virtù noi siamo attratti lieti verso i tuoi misteri.

Per Cristo nostro Signore.

Nov 27, 2012 - Religione    No Comments

Un significato della sofferenza

“Cristo ha sofferto nel suo corpo. Dunque anche voi armatevi del suo stesso modo di pensare. Se uno ha sofferto persecuzione nel suo corpo non ha più legami con il peccato, non è più schiavo delle passioni umane, ma vive il resto della sua vita mortale seguendo la volontà di Dio”.

(Citazione dalla Sacra Bibbia- Nuovo Testamento – Prima Lettera di Pietro)

Ott 27, 2012 - Religione    No Comments

La potenza della Fede

 

Domenica 28 Ottobre 2012

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 10,46-52. 

giunsero a Gerico. E mentre partiva da Gerico insieme ai discepoli e a molta folla, il figlio di Timèo, Bartimèo, cieco, sedeva lungo la strada a mendicare. 

Costui, al sentire che c’era Gesù Nazareno, cominciò a gridare e a dire: «Figlio di Davide, Gesù, abbi pietà di me!». 

Molti lo sgridavano per farlo tacere, ma egli gridava più forte: «Figlio di Davide, abbi pietà di me!». 

Allora Gesù si fermò e disse: «Chiamatelo!». E chiamarono il cieco dicendogli: «Coraggio! Alzati, ti chiama!». Egli, gettato via il mantello, balzò in piedi e venne da Gesù. 
Allora Gesù gli disse: «Che vuoi che io ti faccia?». E il cieco a lui: «Rabbunì, che io riabbia la vista!». 
E Gesù gli disse: «Và, la tua fede ti ha salvato». E subito riacquistò la vista e prese a seguirlo per la strada. 

Ott 13, 2012 - Religione    No Comments

Il Vangelo domenicale: il giovane ricco

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Marco 10,17-30. 
Mentre usciva per mettersi in viaggio, un tale gli corse incontro e, gettandosi in ginocchio davanti a lui, gli domandò: «Maestro buono, che cosa devo fare per avere la vita eterna?». 
Gesù gli disse: «Perché mi chiami buono? Nessuno è buono, se non Dio solo. 
Tu conosci i comandamenti: Non uccidere, non commettere adulterio, non rubare, non dire falsa testimonianza, non frodare, onora il padre e la madre». 
Egli allora gli disse: «Maestro, tutte queste cose le ho osservate fin dalla mia giovinezza». 
Allora Gesù, fissatolo, lo amò e gli disse: «Una cosa sola ti manca: và, vendi quello che hai e dallo ai poveri e avrai un tesoro in cielo; poi vieni e seguimi». 
Ma egli, rattristatosi per quelle parole, se ne andò afflitto, poiché aveva molti beni. 
Gesù, volgendo lo sguardo attorno, disse ai suoi discepoli: «Quanto difficilmente coloro che hanno ricchezze entreranno nel regno di Dio!». 
I discepoli rimasero stupefatti a queste sue parole; ma Gesù riprese: «Figlioli, com’è difficile entrare nel regno di Dio! 
E’ più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno di Dio». 
Essi, ancora più sbigottiti, dicevano tra loro: «E chi mai si può salvare?». 
Ma Gesù, guardandoli, disse: «Impossibile presso gli uomini, ma non presso Dio! Perché tutto è possibile presso Dio». 
Pietro allora gli disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito». 
Gesù gli rispose: «In verità vi dico: non c’è nessuno che abbia lasciato casa o fratelli o sorelle o madre o padre o figli o campi a causa mia e a causa del vangelo, 
che non riceva gia al presente cento volte tanto in case e fratelli e sorelle e madri e figli e campi, insieme a persecuzioni, e nel futuro la vita eterna. 

Set 25, 2012 - Religione    No Comments

Preghiere di Ringraziamento e per Ottenere Grazie

Preghiera di ringraziamento

O Gesù, o Dio eterno, Ti ringrazio per i Tuoi innumerevoli benefici e le Tue grazie. Ogni battito del mio cuore sia un inno di ringraziamento per Te, o Dio. Ogni goccia del mio sangue circoli per Te, o Signore. La mia anima è tutta un cantico di ringraziamento alla Tua misericordia. Ti amo, o Dio, per Te stesso.

Preghiera per ottenere le grazie per intercessione di S. Faustina Kowalska

Oh Gesù, che hai reso S. Faustina una grande devota della Tua immensa misericordia, concedimi, per sua intercessione, e secondo la Tua santissima volontà, la grazia per la quale Ti prego.
Essendo peccatore non sono degno della Tua misericordia. Ti chiedo perciò, per lo spirito di dedizione e di sacrificio di S. Faustina e per la sua intercessione, esaudisci le preghiere che fiduciosamente Ti presento.

Padre nostro…, Ave Maria…, Gloria…

Ago 2, 2012 - Religione    No Comments

Preghiera per tutti i Lavoratori

In un momento sempre più difficile per le lavoratrici ed i lavoratori italiani, con il cuore pubblico questa preghiera, perchè Nostro Signore ci aiuti giorno dopo giorno:

 

 

 

Gesù, che, pur essendo il padrone dell’Universo,

hai voluto assoggettarti alla legge del lavoro,

guadagnandoti il pane col sudore della tua fronte,

noi ti riconosciamo e ti proclamiamo

nostro modello e Redentore del lavoro.

 

Benedici, o divino operaio di Nazareth,

la nostra quotidiana fatica,

che ti offriamo come sacrificio 

di espiazione e di propiziazione.

 

Benedici il sudore della nostra fronte,

affinché ci procuri un pane sufficiente 

per noi e per le nostre famiglie.

 

E concedi che sul mondo del lavoro,

travagliato da tante incertezze e difficoltà,

risplenda sempre la Tua provvida benedizione,

e fa che tutti possano ottenere

e conservare un onesto e dignitoso lavoro.

Amen.