Browsing "Religione"
Lug 20, 2012 - Religione    No Comments

Il Vangelo di Oggi

Niente formalismi e sacrifici, il Signore vuole che nella nostra vita dimostriamo misericordia, amore e gesti concreti, senza bigottismo ed ottusità.

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 12,1-8.
In quel tempo Gesù passò tra le messi in giorno di sabato, e i suoi discepoli ebbero fame e cominciarono a cogliere spighe e le mangiavano.
Ciò vedendo, i farisei gli dissero: «Ecco, i tuoi discepoli stanno facendo quello che non è lecito fare in giorno di sabato».
Ed egli rispose: «Non avete letto quello che fece Davide quando ebbe fame insieme ai suoi compagni?
Come entrò nella casa di Dio e mangiarono i pani dell’offerta, che non era lecito mangiare né a lui né ai suoi compagni, ma solo ai sacerdoti?
O non avete letto nella Legge che nei giorni di sabato i sacerdoti nel tempio infrangono il sabato e tuttavia sono senza colpa?
Ora io vi dico che qui c’è qualcosa più grande del tempio.
Se aveste compreso che cosa significa: Misericordia io voglio e non sacrificio, non avreste condannato individui senza colpa.
Perché il Figlio dell’uomo è Signore del sabato».

Giu 23, 2012 - Religione    No Comments

Il Vangelo di domani, domenica 24 Giugno 2012

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 1,57-66.80. 
Per Elisabetta si compì il tempo del parto e diede alla luce un figlio. 
I vicini e i parenti udirono che il Signore aveva esaltato in lei la sua misericordia, e si rallegravano con lei. 
All’ottavo giorno vennero per circoncidere il bambino e volevano chiamarlo col nome di suo padre, Zaccaria. 
Ma sua madre intervenne: «No, si chiamerà Giovanni». 
Le dissero: «Non c’è nessuno della tua parentela che si chiami con questo nome». 
Allora domandavano con cenni a suo padre come voleva che si chiamasse. 
Egli chiese una tavoletta, e scrisse: «Giovanni è il suo nome». Tutti furono meravigliati. 
In quel medesimo istante gli si aprì la bocca e gli si sciolse la lingua, e parlava benedicendo Dio. 
Tutti i loro vicini furono presi da timore, e per tutta la regione montuosa della Giudea si discorreva di tutte queste cose. 
Coloro che le udivano, le serbavano in cuor loro: «Che sarà mai questo bambino?» si dicevano. Davvero la mano del Signore stava con lui. 
Il fanciullo cresceva e si fortificava nello spirito. Visse in regioni deserte fino al giorno della sua manifestazione a Israele.

Giu 16, 2012 - Religione    No Comments

Giugno: il mese dedicato e da consacrare al Sacro Cuore di Gesù

Ieri era la festa del Sacro Cuore di Gesù


INVOCAZIONI AL SACRO CUORE

Amore del Cuore di Gesù, infiamma il mio cuore.

Carità del Cuore di Gesù, diffonditi nel mio cuore.

Forza del Cuore di Gesù, sostieni il mio cuore.

Misericordia del Cuore di Gesù, rendi dolce il mio cuore.

Pazienza del Cuore di Gesù, non ti stancare del mio cuore.

Regno del Cuore di Gesù, stabilisciti nel mio cuore.

Sapienza del Cuore di Gesù, ammaestra il mio cuore.

Non piangere per me

Non disperarti per me,

non piangere per la mia assenza,

non ti ho lasciato, ti ho solo preceduto,

non ti ho abbandonato, veglio su di te.

Non disperarti,

il tuo amore per me non può che gioire,

conoscendo la luce in cui vivo,

sapendo che ho raggiunto la mia vera estasi,

immerso in una beatitudine senza confini,

in una gioia immensa,

nella certezza che un giorno ci rincontreremo,

per rimanere uniti,

in questa fonte inestinguibile di gioia.

Se mi ami non piangere!

Mag 6, 2012 - Religione    No Comments

Il Vangelo della Domenica ed il Commento in merito di Madre Teresa di Calcutta

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 15,1-8.

Io sono la vera vite e il Padre mio è il vignaiolo.
Ogni tralcio che in me non porta frutto, lo toglie e ogni tralcio che porta frutto, lo pota perché porti più frutto.
Voi siete gia mondi, per la parola che vi ho annunziato.
Rimanete in me e io in voi. Come il tralcio non può far frutto da se stesso se non rimane nella vite, così anche voi se non rimanete in me.
Io sono la vite, voi i tralci. Chi rimane in me e io in lui, fa molto frutto, perché senza di me non potete far nulla.
Chi non rimane in me viene gettato via come il tralcio e si secca, e poi lo raccolgono e lo gettano nel fuoco e lo bruciano.
Se rimanete in me e le mie parole rimangono in voi, chiedete quel che volete e vi sarà dato.
In questo è glorificato il Padre mio: che portiate molto frutto e diventiate miei discepoli.

Meditazione del giorno
Beata Teresa di Calcutta (1910-1997), fondatrice delle Suore Missionarie della Carità

 

«Rimanete in me e io in voi»

        Amate pregare! Spesso durante la giornata, cercate di sentire il bisogno di pregare, e allora mettetevi a pregare. La preghiera allarga il cuore al punto che esso potrà contenere il dono che Dio ci fa di se stesso. «Chiedete, cercate» (Lc 11,9) ed il vostro cuore si allargherà abbastanza da riceverlo.

        La seguente preghiera, tratta dal libro di preghiere della nostra comunità, è scelta fra quelle che recitiamo ogni giorno. Che essa possa aiutarvi…

« Diventiamo tutti tralci autentici e ricchi di grappoli della vigna di Gesù, accogliendolo nella nostra vita come gli piacerà venire:

come Verità – per dirla;
come Vita – per viverla;
come Luce – per illuminare;
come Amore – per essere amato;
come Via – per percorrerla;
come Gioia – per donarla;
come Pace – per diffonderla;
come Sacrificio – per offrirlo,
nelle nostre famiglie e dovunque intorno a noi».

Mar 30, 2012 - Religione    No Comments

La Preghiera dell’Amore

Signore, l’amore è paziente

Donami la pienezza

che sa affrontare un giorno dopo l’altro

Signore, l’amore è benigno

Aiutami a voler sempre il suo bene prima del mio

Signore, l’amore non è invidioso

Insegnami a gioire di ogni suo successo

Signore, l’amore non si vanta

Rammentami di non rinfacciargli ciò che faccio per lei/lui

Signore, l’amore non si gonfia

Concedimi il coraggio di dire “Ho sbagliato”

Signore, l’amore non manca di rispetto

Fa che io possa vedere nel suo volto il Tuo

Signore, l’amore non cerca l’interesse

Soffia nella nostra vita il vento della gratuità

Signore, l’amore non si adira

Allontana i gesti e le parole che feriscono

Signore, l’amore non tiene conto del male ricevuto

Riconciliaci nel perdono che dimentica i torti

Signore, l’amore non gode dell’ingiustizia

Apri il nostro cuore ai bisogni di chi ci sta accanto

Signore, l’amore si compiace della verità

Guida i nostri passi verso di Te che sei via, verità e vita

Signore, l’amore tutto copre, tutto crede,

tutto spera, tutto sopporta

Aiutaci a coprire d’amore i giorni che vivremo insieme

Aiutaci a credere che l’amore sposta le montagne

Aiutaci a sperare nell’amore, oltre ogni speranza

Mar 11, 2012 - Psicologia, Religione    No Comments

Il sorriso

Un sorriso non costa nulla e produce molto.

Arricchisce chi lo riceve,

senza impoverire chi lo dona.

Non dura che un istante,

ma nel ricordo può essere eterno.

Nessuno è così ricco da poterne fare a meno e

Nessuno è così povero da non meritarlo.

Creatore di felicità in casa,

negli affari è un sostegno,

è il segno sensibile dell’amicizia profonda.

Un sorriso dà riposo alla stanchezza,

allo scoraggiamento rinnova coraggio.

Nella tristezza è consolazione,

è l’antidoto naturale di tutte le nostre pene.

Ma è bene che non si possa comprare,

né rubare, né prestare

poiché solo ha valore nell’istante in cui si dona.

E se poi incontrerete talora

chi l’aspettato sorriso a voi non dona,

siate generosi e date il vostro.

Perché nessuno ha tanto bisogno di sorriso

come chi ad altri non sa darlo.

 

Anonimo Francescano