Browsing "Religione"
Gen 11, 2012 - Religione    No Comments

Il Signore benedica questo 2012

Signore ti preghiamo perchè questo nuovo anno ci porti solo novità positive,

tanta pace, salute, gioia ed amore.

Donaci la fede per conoscere il tuo affetto ed il sorriso da regalare al nostro prossimo.

Illumina i governanti di tutte le nazioni, perchè imparino ad agire per il benessere collettivo: sconfiggi povertà, malattie e disperazione.

Così sia.

Dic 22, 2011 - Religione    2 Comments

Papa Luciani: “Gesù Cristo, il migliore rivoluzionario della storia”

Il Papa del sorriso (Papa Luciani) ricordava spesso che è stato proprio Gesù Cristo il più grande rivoluzionario della storia, perchè non è provando con la violenza che si può cambiare l’intero Mondo, ma solo attraverso una rivoluzione che inizi dentro sè stessi, in modo da inglobare i migliori principi di carità verso il prossimo, che possiamo dare l’esempio significativo per una rivoluzione veramente profonda e globale.

Nov 23, 2011 - Religione    No Comments

La pagina del Vangelo di Matteo sui sepolcri imbiancati

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù parlò dicendo: «Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che assomigliate a sepolcri imbiancati: all’esterno appaiono belli, ma dentro sono pieni di ossa di morti e di ogni marciume. Così anche voi: all’esterno apparite giusti davanti alla gente, ma dentro siete pieni di ipocrisia e di iniquità.
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che costruite le tombe dei profeti e adornate i sepolcri dei giusti, e dite: “Se fossimo vissuti al tempo dei nostri padri, non saremmo stati loro complici nel versare il sangue dei profeti”. Così testimoniate, contro voi stessi, di essere figli di chi uccise i profeti. Ebbene, voi colmate la misura dei vostri padri».

Parola del Signore

Nov 11, 2011 - Religione    No Comments

Riflessione di Beata Madre Teresa di Calcutta

«Io pongo sempre innanzi a me il Signore, sta alla mia destra, non posso vacillare» (Sal 16,8). Perché se c’è una cosa che Gesù mi chiede, è di appoggiarmi a lui, di confidare solo in lui, di abbandonarmi a lui senza riserve… Non dobbiamo cercare di controllare l’agire di Dio. Non dobbiamo contare le tappe del viaggio che vuole che facciamo. Anche se mi sento come una barca alla deriva, non devo far altro che abbandonarmi totalmente a lui.

        Quando sembra difficile, ricordati che non siamo chiamati ad avere successo, ma ad essere fedeli. La fedeltà è importante, anche nelle piccole cose; non per la cosa in se stessa, che sarebbe la preoccupazione di uno spirito gretto, ma per quella grande cosa che è la volontà di Dio. S. Agostino ha detto: «Le piccole cose restano piccole, ma essere fedele nelle piccole cose è cosa grande. Nostro Signore non è lo stesso in un povero che ci visita come in un grande?» (cfr Mt 25,40)

 

Nov 6, 2011 - Religione    No Comments

San Giuseppe Moscati

“LA VITA NON FINISCE CON LA MORTE, CONTINUA IN UN MONDO MIGLIORE. A TUTTI E’ STATO PROMESSO, DOPO LA REDENZIONE DEL MONDO, IL GIORNO CHE CI RICONGIUNGERA’ AI NOSTRI CARI ESTINTI, E CHE CI RIPORTERA’ AL SUPREMO AMORE!”.

(Dagli scritti di S. Giuseppe Moscati)

Ott 22, 2011 - Religione    No Comments

Il Vangelo di domani, Domenica 23 Ottobre 2011

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 22,34-40.

Allora i farisei, udito che egli aveva chiuso la bocca ai sadducei, si riunirono insieme
e uno di loro, un dottore della legge, lo interrogò per metterlo alla prova:
«Maestro, qual è il più grande comandamento della legge?».
Gli rispose: «Amerai il Signore Dio tuo con tutto il cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente.
Questo è il più grande e il primo dei comandamenti.
E il secondo è simile al primo: Amerai il prossimo tuo come te stesso.
Da questi due comandamenti dipendono tutta la Legge e i Profeti».

Ott 9, 2011 - Religione    No Comments

Da uno scritto di San Giuseppe Moscati

“Ama la Verità; mostrati qual sei, senza falsità, senza paure e senza riguardi. E se la Verità ti costa la persecuzione, tu accettala; se il tormento, tu sopportalo. E se per la Verità dovessi sacrificare te stesso e la tua vita, sii forte nel sacrificio”.

 

San Giuseppe Moscati

Set 19, 2011 - Religione    No Comments

Dolce Preghiera

Possa oggi esserci la pace.


Possa tu avere fiducia nelle tue possibilità
e che tu sia esattamente dove avresti voluto essere.

Possa tu non dimenticare le infinite possibilità
che nascono dalla fede.

Possa tu usare questi doni che hai ricevuto
e trasmettere l’amore che ti è stato donato …

Sii contento di sapere di essere figlio di Dio ….
Sia questa presenza fissata nelle tue ossa,
e permetti alla tua anima
di essere libera di cantare,
ballare, glorificare e amare.


Sia così per ognuno di voi …

 

Madre Teresa di Calcutta

Set 7, 2011 - Religione    No Comments

Il Vangelo del Giorno – Le Beatitudini

Alzati gli occhi verso i suoi discepoli, Gesù diceva: “Beati voi poveri, perché vostro è il regno di Dio.
Beati voi che ora avete fame, perché sarete saziati. Beati voi che ora piangete, perché riderete.
Beati voi quando gli uomini vi odieranno e quando vi metteranno al bando e v’insulteranno e respingeranno il vostro nome come scellerato, a causa del Figlio dell’uomo.
Rallegratevi in quel giorno ed esultate, perché, ecco, la vostra ricompensa è grande nei cieli. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i profeti.
Ma guai a voi, ricchi, perché avete gia la vostra consolazione.
Guai a voi che ora siete sazi, perché avrete fame. Guai a voi che ora ridete, perché sarete afflitti e piangerete.
Guai quando tutti gli uomini diranno bene di voi. Allo stesso modo infatti facevano i loro padri con i falsi profeti”.

 

Eccovi una piccola parte della meditazione del Beato Guerrico d’Igny, abate cistercense, sulle Beatitudini Evangeliche

“Il regno di Dio, non è questione di cibo o di bevanda, ma è giustizia, pace e gioia nello Spirito Santo » (Rm 14,17). Se dunque sentiamo così nel nostro intimo, perché non proclamiamo con fiducia che il Regno di Dio è dentro di noi (Lc 17,21)? Ciò che è dentro di noi, è veramente nostro, perché nessuno può rapircelo contro la nostra volontà.

Per questo motivo, quando proclama la beatitudine dei poveri, a ragione il Signore non dice : « Di essi sarà il Regno dei cieli », bensì « di essi è ». È loro non soltanto a motivo di un diritto saldamente stabilito, ma anche a motivo di un pegno assolutamente sicuro, di un’esperienza già fatta della beatitudine perfetta. Non soltanto perché il Regno è stato preparato per loro fin dalla fondazione del mondo (Mt 25,34), ma anche perché sono già entrati in suo possesso. Possiedono già il tesoro celeste in vasi di creta (2 Cor 4,7); portano già Dio nel loro corpo e nel loro cuore”.